venerdì 23 marzo 2018

Buddha Bowl

Avete già sentito parlare delle buddha bowls? Io ne sto vedendo di svariati tipi sul web e me ne sono subito innamorata!
Già di mio amo i piatti unici e queste bowls sono sicuramente molto più di tendenza rispetto alle solite “insalatone”!

Letteralmente sta a significare “Le Ciotole di Buddha”. E’ l’idea di consumare il proprio pasto, che stia tutto all’interno di una ciotola, la cui forma e dimensione definisce la porzione desiderata.

Ultimamente sta diventando il cibo d'asporto, da portarsi in ufficio per pranzo, più di tendenza a New York, Londra, ecc..ma presto lo diventeranno anche da noi!

Nascono come idea vegetariana, ma possono essere arricchite anche da carne o pesce, l’importante che rispettino un’anima salutista.

E’ l’ideale per chi vuol consumare qualcosa di sano, veloce da preparare e con il giusto apporto di energia.

La regola vuole che si utilizzino rigorosamente verdure di stagione e che si rispetti una certa proporzione e che si abbia un occhio di riguardo all’estetica.

A differenza delle insalate, qui gli ingredienti vanno mantenuti ben divisi, come a formare un disegno geometrico nella ciotola, alternando almeno un elemento di ortaggio crudo, un ortaggio cotto, un cereale e una proteina (vegetale o animale).

Il condimento può variare dal classico sale, olio, limone o aceto, oppure si può spaziare su una vinaigrette o citronette.

Non esiste quindi una vera e propria ricetta, basta attenersi a queste piccole “regole”.

Ecco cosa c’è nella mia bowl:

  • Radicchio rosso crudo
  • Verza cruda
  • Puntarelle cotte a vapore
  • Ceci
  • Sgombro
  • Farro











venerdì 16 marzo 2018

Seppia al pepe rosa su crema di piselli e fagioli cannellini

Ecco uno di quei piatti buonissimi, che possono sembrare ricercati, ma che sono facilissimi e velocissimi da preparare.
E' l'esempio di come si possa rendere alternativo e piacevole un piatto che all'idea sembrerebbe triste e spento, perché diciamocelo, la seppia lessata non è che attiri più di tanto!
E invece garantisco su una bontà pazzesca, inoltre la preparazione è veramente veloce:
- la seppia cuoce in mezz'ora, e ce la dimentichiamo...
- i piselli e i cannellini cuociono in dieci minuti, e ce li dimentichiamo...
- per il condimento e l'impiattamento ci vogliono 5 minuti al massimo..et voilà un piatto bello da presentare, buonissimo e super genuino!

Ingredienti:

1 seppia grande, circa 400/500 gr (è più morbida)
sale, olio extra vergine d'oliva
1/2 limone
pepe nero e pepe rosa
piselli q.b.
1/2 cipolla
fagioli cannellini 100 gr

Procedimento:

Lavare e pulire la seppia, mantenendola intera. Metterla in una padella in acqua fredda e portare ad ebollizione. Da quando comincia a bollire calcolare 30 minuti e poi scolare.
Tagliarla a fettine sottili e condire con sale, pepe nero, bacche di pepe rosa, olio extra vergine d'oliva e una spruzzata di succo di limone.
Nel frattempo in una padella soffriggere la cipolla, precedentemente tritata finemente, aggiungere i piselli surgelati e i fagioli cannellini (io ho usato quelli in scatola).
Coprire con acqua, o brodo se preferite, aggiustare di sale e far cuocere finché l'acqua non sarà completamente assorbita. Frullare il tutto fino ad ottenere una crema.
Disporre la crema sul fondo del piatto ed adagiarvi sopra la seppia.
Sentirete che bontà!





lunedì 5 marzo 2018

Caserecce integrali con pesto di broccolo siciliano e noci

Era da oltre un mese che non aggiornavo il blog e devo ammettere che quando succede che passa molto tempo tra un post e l'altro, sento proprio il richiamo, la voglia di tornare.
In questo periodo ho dovuto affrontare un rientro in ufficio, dalla maternità, che è stato più difficile del previsto.
A parte il trauma iniziale del distacco con la mia piccola patata di 6 mesi appena fatti, ho dovuto riabituarmi ai ritmi lavorativi e non e imparare soprattutto a gestire i due pargoli, con esigenze e tempi differenti.
E' passato quasi un mese ormai, il magone è un po' svanito e posso dire di essermi ambientata, anche se sento sempre molto la mancanza dei miei bambini e di un pizzico di tempo libero per me.
Spesso mi capita che la gente mi chieda come faccia a dedicarmi in questo modo alla cucina con una casa, due figli, un lavoro...(e un marito!) ma la cucina per me rimane una grande passione ed è perciò  spesso una valvola di sfogo, per questo faccio di tutto per cercare di mantenerla!
Ho deciso di ricominciare proprio oggi, un primo marzo un po' insolito, che non sa per niente di primavera. Da tutto il giorno infatti sta nevicando abbondantemente, guardo fuori dalla finestra e non mi sembra vero, non molla un attimo!
Per riscaldarci in questa giornata ancora così invernale, fa piacere un piatto caldo, tradizionale e rustico, delle ottime caserecce integrali con broccolo siciliano ripassato in padella e qualche noce a dare ancora più energia.

Ingredienti:
1 broccolo siciliano
1 peperoncino
5 acciughe
1 spicchio d'aglio
olio extra vergine d'oliva
4 noci
pepe nero
250 gr di caserecce

Procedimento: 
In una padella soffriggere uno spicchio d'aglio, un peperoncino e le acciughe con un filo d'olio extra vergine d'oliva.
Quando le acciughe saranno completamente sciolte aggiungere il broccolo siciliano. Io utilizzo soltanto le cimette, senza le coste. Con l'aiuto di un coltello lo "grattugio" ottenendo già il broccolo sbriciolato.
Tagliare anche qualche ciuffetto, da tenere come coreografia per quando si serve.
In questo modo cuoce velocissimamente e otteniamo un ottimo risultato, una sorta di pesto.
Aggiustare di sale e pepe a piacere e far cuocere una decina di minuti al massimo (i broccoli non devono essere stracotti, spappolati, perché l'effetto che vogliamo ottenere è proprio quello di un pesto).
Quando la pasta è cotta, scolare e trasferire nella padella dei broccoli, aggiungendo qualche gheriglio di noce.
Servire a piacere con un po' di scorretta grattugiata di limone! 




















martedì 9 gennaio 2018

Drizzle lemon cake

Con l'inizio di questa settimana ho voltato definitivamente la pagina "Natale", anche in cucina! Ho dato spazio a sapori più freschi, piatti unici leggeri e disintossicanti! 
Per me quando arriva gennaio è come tirare un sospiro di sollievo, come se la primavera fosse alle porte! So che non è proprio così,  ma anche se il tempo che ci distanzia da essa è ancora tanto, per me ormai è tutto in discesa! 
Questo plumcake, preparato per la nostra colazione, integrale e fresco, ha un sapore quasi primaverile!
Finalmente un dolce che sa veramente di limone, arricchito da un sciroppo che come pioggerella (dal nome inglese drizzle) irrora questo morbidissimo plumcake.

Ingredienti:
50 gr di zucchero
80 ml di olio di semi
2 uova
1 bustina di lievito
1 limone (succo e scorza)
220 gr di farina ( io integrale)
Per lo sciroppo:
200 ml di acqua
1 limone (succo e scorza)
100 gr di zucchero

Procedimento:
Con le fruste elettriche montare le uova con lo zucchero e l'olio di semi. Aggiungere anche il succo del limone e la sua scorzetta, continuando a montare con le fruste.
Poco per volta incorporare la farina è il lievito, mescolando piano sempre con le fruste.
Trasferire l'impasto in una teglia da plumcake imburrata o foderata di carta forno.
Cuocere a 180 gradi per 35 minuti.
Poco prima di sfornare preparare lo sciroppo: portare l'acqua ad ebollizione con il succo di limone e la scorzetta. Spegnere la fiamma, aggiungere lo zucchero e mescolare finché sarà completamente sciolto.
Appena sfornato il plumcake, mentre è ancora nella teglia, bucherellare con uno stuzzicadenti da spiedino.
Fare tanti buchi, in modo che lo sciroppo andrà a distribuirsi uniformemente.
Versare lo sciroppo sul plumcake e lasciare raffreddare nella teglia.
Una volta raffreddato bene sformare e decorare con qualche fettina di limone a piacere.
Sentirete che plumcake soffice e profumato che otterrete! 



giovedì 28 dicembre 2017

Semifreddo al torrone e cioccolato fondente

Nei giorni successivi al Natale spopolano ricette e idee per reciclare pandoro e panettone, io invece vi propongo un metodo per reciclare il torrone! 
Non sono amante dei dolci natalizi, solitamente non li assaggio nemmeno, infatti non ne ho proprio in casa. Mi era stato regalato un buon torrone, ma non amando nemmeno quello, l'ho trasformato in semifreddo, e in questo modo l'ho gradito molto.
Si prepara in pochi minuti e quando dovrete servirlo avrete già tutto pronto.
Se vi piace la mia idea e vi piacerebbe replicarla, di seguito ingredienti e procedimento.

Ingredienti ( per 4 semifreddi)
80 gr di zucchero
2 tuorli
25 gr di acqua
60 gr di torrone duro
25 gr di cioccolato fondente
250 ml di panna liquida fresca

Cioccolato fondente q.b.
Scaglie di mandorle q.b.
Latte q.b.

Procedimento:
Con un coltello o con un robot da cucina tritare grossolanamente il torrone e il cioccolato fondente.
In un pentolino sciogliere lo zucchero con l'aggiunta di acqua, otterrete uno sciroppo.
Sbattere le uova aggiungendo lo sciroppo a filo e continuare a montare.
Aggiungere il torrone e il cioccolato fondente tritati.
Montare la panna e incorporare poco per volta al composto.
Riempire degli stampini e mettere in freezer almeno per una notte.
Quando sarà il momento di servire, togliere i semifreddi dal congelatore.
Sciogliere il cioccolato fondente (o gianduia se preferite) in un pentolino con l'aggiunta di un pochino di latte, mescolando bene mentre si scioglie.
Guarnire i semifreddi con il cioccolato caldo e le scaglie di mandorle tostate.



venerdì 22 dicembre 2017

Stella natalizia

Non mi son cimentata nella preparazione di pandoro e panettone nemmeno quest'anno! Forse non mi ci metto perché in fondo son due dolci che non amo, proprio per niente direi.. Mi piacciono soltanto perché fanno tradizione e non possono mancare in tavola la sera della vigilia di Natale in famiglia. Mi piace il momento in cui si scarta la confezione, il profumo che emana, mi piace rubare una mandorla o i pezzetti di glassa che cadono mentre lo si taglia, ma poi la maggior parte delle volte non lo assaggio nemmeno.
Per la prima cena di Natale di quest'anno ho preparato però questa stella che richiama molto i sapori del Natale, ma ci ho messo gli ingredienti che amo di più: noci, pere, fichi secchi, datteri, cioccolato fondente e scorza grattugiata dell'arancia, oltre che aver abbondato con la cannella.

Ingredienti:
2 uova
1 yogurt bianco da 125 gr magro o intero
100 gr di zucchero di canna
80 ml di olio di semi
200 gr di farina 00 ( io ho usato metà 00 e metà integrale)
Gocce di cioccolato fondente q.b. 
Fichi secchi q.b. (Circa 5)
Datteri q.b. (Circa 8)
1 pera di medie dimensioni
Scorza grattugiata di mezza arancia 
1 bustina di lievito

Procedimento:
Sbattere le uova con lo zucchero, lo yogurt e l'olio di semi. Incorporare il lievito e la farina poco per volta, mescolando bene.
Tagliuzzare i fichi secchi, la pera e i datteri e unire all'impasto insieme a tutti gli altri ingredienti.
Versare l'impasto nello stampo e infornare a 180 gradi per 40 minuti circa.
Controllare la cottura con lo stuzzicadenti prima di sfornare, in quanto le pere creano umidità. 




martedì 19 dicembre 2017

Mezze maniche alla zucca gratinate al forno

La pasta al forno è sempre golosa e sa tanto di pranzo della domenica in famiglia, un po' come le lasagne, ma non necessariamente dev'essere iper calorica! Come in questo caso, l'unica parte "grassa" presente è il parmigiano aggiunto in superficie, infatti non c'è besciamella, non c'è altro formaggio, soltanto una crema di zucca golosissima.

Ingredienti:
1 cipolla dorata ( sostituibile con porro o scalogno) 
1/2 zucca
Brodo vegetale 
Sale, pepe
Parmigiano
Noce moscata
200 gr di mezze maniche integrali
1/2 bicchiere di latte (all'occorrenza)
Qualche fiocchetto di burro oppure olio e.v.o.


Procedimento:
Pulire la zucca e tagliare a dadini.
Preparare un soffritto con un filo d'olio e la cipolla. Aggiungere la zucca tagliata a dadini, salare, pepare, aggiungere un cucchiaino raso di noce moscata grattugiata e coprire con brodo vegetale.
Far cuocere finché la zucca sarà morbida, aggiungendo di tanto intanto dell'altro brodo se necessario, oppure acqua calda.
A cottura ultimata frullare bene fino ad ottenere una crema.
Cuocere la pasta e scolare molto al dente.
Mescolare la pasta con la crema di zucca, trasferire in una pirofila, spolverare in superficie con parmigiano e qualche fiocchetto di burro (oppure con un filo d'olio extra vergine d'oliva)
Infornare a 170 gradi per circa 20 minuti.